Fiume Tevere – Ripetersi a Pretola

Nel fiume Tevere, dirò di catture non eccezionali, di nasse con molti pesci, ma non strapiene, parlerò soprattutto di bei momenti a rincorrere con lo sguardo un galleggiante, sotto un sole quasi estivo, immerso in un acqua ed in un ambiente di straordinaria potenza. Perché la pesca è anche questo: sentirsi parte integrante di ciò che ti circonda, goderne appieno tutte le sue potenzialità, crearsi uno spazio di serenità e di pace, senza rinunciare a vivere le emozioni che la cattura di un pesce riesce a darti. E allora la pesca diventa anche interpretazione del fiume, lettura dell’acqua, osservazione di una superficie, valutazione della velocità della corrente e delle sue direzioni e di conseguenza procedere alla calibratura di una lenza per esprimere al meglio le nostre capacità di pesca.

Le catture

Barbi e cavedani nel Tevere

Barbi e cavedani nel Tevere

A volte siamo bravi, a volte meno, ma questo fa parte del gioco, l’importante e quello che ci rimane e alla fine di una lunga giornata sul fiume, dopo aver reso la libertà ai pochi o molti pesci catturati,  a me rimangono molte cose ed in particolare la consapevolezza di aver trascorso attimi e momenti di indimenticabile bellezza. Questo è stato lo standard di una serie di giornate di pesca vissute in questi primi giorni di giugno sulle rive del Tevere in compagnia di amici cari e una fedele bolognese di 7 mt. Le catture si sono assestate oltre i 14 kg di pesce, soprattutto barbi europei  di media taglia, con qualche bell’esemplare oltre il Kg e mezzo e qualche bel cavedano sul Kg.



Alcuni accorgimenti nel fiume Tevere

Barbo gigante nel fiume Tevere

Barbo gigante nel fiume Tevere

In tutta questa positività l’unico elemento critico è l’apertura di una diga a monte di Ponte S.Giovanni che per due volte al giorno causa variazioni di livello di una certa consistenza. L’alzamento dell’acqua causa non pochi problemi all’azione di pesca. A poco serve adattare la piombatura perché – almeno secondo le mie esperienze – quando l’acqua è in movimento, in special modo quando si alza le abboccate sono pressoché nulle.

Attrezzatura

Per la canna vi consiglio una semplice ma ottima bolognese che potete trovare a questo link : SHIMANO Canna Bolognese Catana EX TE5 GT 7mt NDir?t=pescdacqudolc 21&l=as2&o=29&a=B008ETKS9C

Mentre per il mulinello questo Shimano 1000: Mulinello Exage 1000 FDir?t=pescdacqudolc 21&l=as2&o=29&a=B00EVPJ7BI

Non perderti lo scorso articolo su la pesca nel fiume Tevere.

2 Comments

  1. Marco 18 Maggio 2016
  2. Claudio Guarducci 18 Maggio 2016

Leave a Reply